un'Associazione di Cittadini che vogliono promuovere e produrre nel Territorio le Energie Rinnovabili. —> Partecipa anche tu agli eventi e prenotando le quote che vuoi dal link sotto ↓↓↓↓↓

Sintesi dell’incontro di mercoledì 21/9/11, parrocchia del Farneto, h 21.15 -> h 23.00.
Presenti 8: Alberto Piras, Lorenzo Bolognini, Alberto Savigni, Fabio Giovanardi, Rosella Fioretti , Stefano Molnar, Andrea Querzè, Paolo Spunta.

Ordine del Giorno:
1) Scelta della banca con cui fare il conto corrente
2) Scelta del progetto tecnico e relativa offerta
3) Varie


1) Scelta della banca con cui fare il conto corrente.

Abbiamo valutato i costi, il rendimento (…), ed in generale i pro e contro di:
a) Credito Cooperativo di Castenaso;
b) Banca Proxima;
c) Banca Etica.

Purtroppo per Banca Etica, Paolo Spunta non aveva un prospetto preciso delle spese del conto Social (indicativamente tra 30 euro e 200 euro) per il fatto che non sappiamo ancora il numero di operazioni che andremo ad effettuare.
Banca Proxima non ha sportelli propri (anche se è possibile usare quelli di Carisbo) ed ha costi bassi.
Fabio Giovanardi e Alberto Piras hanno chiesto di poter avere bassi costi di gestione al Credito Cooperativo di Castenaso: 4 euro/mese e 0,35 euro/bonifico.
Abbiamo votato:
5 a favore del Credito Cooperativo di Castenaso;
2 a favore di Banca Proxima;
1 astenuto.
Abbimo quindi scelto il Credito Cooperativo di Castenaso per il fatto che è un banca locale (potrebbe risultare comodo andare allo sportello in zona ex-Esedra per pagare le proprie quote), e con questa banca si potrebbe continuare una collaborazione per progetti futuri.

2) Scelta del progetto tecnico e relativa offerta.
Sono state illustrate a grandi linee da Lorenzo Bolognini le offerte e le proposte tecniche di:
a) MAG System
b) Solare sociale
c) Cooperativa la Fraternità Associazione Giovanni XXIII
d) Termologic
La Cooperativa la Fraternità Associazione Giovanni XXIII, fa comunque riferimento a Solare sociale.
Solare sociale di Budrio ha inviato un’offerta di 45.100 euro (iva compresa), però non eravamo certi se i pannelli fossero realmente made in Unione Europea (che permette di avere un incentivo migliore).[In data 27/9 abbiamo poi verificato che Solare Sociale dispongono anche di pannelli made in EU, per cui li ricontatteremo per il preventivo di un eventuale secondo impianto].
E’ stata quindi scelta l’offerta di MAG System relativa a:
Offerta per fornitura e posa impianto fotovoltaico (moduli europei) da 19780 Wp trifase installazione su tetto piano;
N° 86 MODULI FOTOVOLTAICI Suntech 230Wp Wd policristallino;
N° 2 INVERTER Aurora Power-One PVI-10.0-OUTD IT;
Strutture, ecc per il fissaggio;
Progettazione, Pratiche GSE, dichiarazione di conformità ecc;
Componentistica elettrica, cavi, canalizzazioni, quadri (distanza non superiore di 15 m dall’impianto installato);
Mano d’opera;
Noleggio Piattaforme aeree;
Oneri per la sicurezza;
Totale euro 48781 (IVA inclusa).
La ditta è abbastanza vicina a San Lazzaro.
E’ una cooperativa che opera in campo sociale impiegando anche immigrati e persone che si stanno riabilitando.
Dei 2 preventivi ricevuti è stato scelto quello con moduli fotovoltaici europei (ed è stato scartato quello con moduli made in China).
Sono già stati caricati i 2 documenti relativi a “Offerta” e “Datasheet dei moduli”, nel blog, nella pagina DOC.

3) Varie:
3a) Ora che abbiamo scelto il progetto tecnico e relativa offerta, per il Quadro economico ci pensa Alberto Savigni: dovrebbe averlo pronto nel giro di pochi giorni.
Indicativamente ci potrebbe essere un ritorno di circa 35 euro/anno per ogni quota di 250 euro. Le tasse sono del 27%. In 10 anni circa ci sarebbe il pareggio e nei successivi 10 anni ci sarebbe un “utile”. Il rendimento si potrebbe stimare nel 6%.
3b) IlComune di San Lazzaro dovrebbe provvedere all’assicurazione dell’impianto.
3c) Il Comune di San Lazzaro avrebbe assegnato alla nostra associazione Comunità Energetica, il tetto di una seconda scuola di San Lazzaro di Savena, in località Cicogna, con superficie di circa 305 mq, perchè possiamo proporre un progetto simile alle scuole Fantini. Si occuperà di prendere contatti Lorenzo Bolognini.
3d) Per partecipare al (ai) progetto è necessario essere soci di Comunità Energetica.
E’ possibile essere anche soci simpatizzanti: ci si iscrive e si paga la quota associativa annuale, ma si preferisce non partecipare al progetto e quindi non pagare una o più quote da 250 euro.
Si pensa ad una quota associativa annuale di entità “minima”, come da Statuto associativo, ad esempio di 5 euro, per coprire almeno in parte le spese (ancora non perfettamente definite). Siccome una cifra maggiore di 5 euro/anno sarebbe abbastanza onerosa rispetto al ritorno di 35 euro/(anno*quota), sarebbe possibile (auspicabile) il pagamento delle spese prima della suddivisione dei “ritorni” anzichè suddividendole in base al numero di soci.
3e) Dobbiamo definire le tessere associative ed il modulo di iscrizione all’associazione Comunità Energetica.
3f) Dobbiamo ancora definire la data della prossima conferenza stampa e dovremmo valutare la possibilità di fare il prossimo incontro dell’associazione subito prima o subito dopo la conferenza stampa.
3g) Dobbiamo ancora definire le iniziative da fare con le scuole Fantini (ed eventualmente anche con la scuola alla Cicogna).

Mi dispiace non essere riuscito a mettere a disposizione questa sintesi in tempi più brevi.
Ciao Paolo Spunta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: