un'Associazione di Cittadini che vogliono promuovere e produrre nel Territorio le Energie Rinnovabili. —> Partecipa anche tu agli eventi e prenotando le quote che vuoi dal link sotto ↓↓↓↓↓

Durante l’incontro Ieri di ieri sera sono stati messi in campo molti aspetti di rilievo che proverò brevemente a riassumere in questo post. Ricordo a tutti che abbiamo deciso, come prima cosa, di arrivare a lunedì prossimo con il testo sintetico da presentare all’ amministrazione comunale contenente le finalità del progetto, per cui esorto tutti coloro che ne hanno interesse di partecipare attivamente alla redazione del documento, per fare questo abbiamo deciso di aggiungere commenti successivi a questo post che sto aggiungendo.

sintetizzerò per punti alcune cose dette e mi pare condivise, aspetto correzioni o aggiunte da parte di tutti:

-Consorzio energetico comunale deve essere aperto a tutti i cittadini non esclusivamente cittadini di San Lazzaro

– Consorzio energetico, è un progetto volto a creare un patto inedito di compartecipazione fra amministrazione e cittadini per la risoluzione del problema energetico, tramite la promozione delle energie rinnovabili

-Consorzio energetico si propone di dare l’opportunità a tutti i privati cittadini , anche a coloro i quali non avrebbero la possibilità di installare i dispositivi produttivi in siti di proprietà, di partecipare al processo di produzione di energia rinnovabile

– Consorzio energetico si propone di favorire la corresponsabilità dei cittadini nei processi di produzione dell’energia

– La prima fase dovrebbe essere la creazione di un “modulo”, un progetto pilota che possa facilmente essere riprodotto e quindi facilmente applicabile su strutture diverse e con metodi di produzione di energia rinnovabile differenti. Una volta realizzato il primo consorzio andranno creati i successivi

– Il Consorzio energetico comunale non ha scopo di lucro, è però necessario che i cittadini investitori nel progetto trovino una valorizzazione del loro capitale. Si è ipotizzato che una parte dei proventi derivanti dalla produzione di energia possa essere vincolato alla realizzazione di nuovi impianti

– L’interesse pubblico dell’ente che determina l’impegno del comune a partecipare al progetto sta nel vedere nascere sul proprio territorio il maggior numero di centri di produzione di energia rinnovabile.

-Il primo tetto pubblico è stato stabilito sia quello delle scuole elementari Fantini

-Si richiede una consulenza tecnica al comune che dovrebbe commissionare al consulente incaricato di redigere il Piano Energetico Comunale lo studio di fattibilità tecnica e la compatibilità economica del primo impianto.

– Nella scelta dei produttori dei supporti tecnologici preferire, compatibilmente alla qualità, produttori locali, che applichino principi di etica del lavoro.

buon lavoro a tutti
Alberto Piras

Annunci

Commenti su: "Redazione documento per amministrazione e finalità del consorzio ( sintesi incon tro 19 maggio)" (5)

  1. Egidio Rimoli ha detto:

    Ciao a tutti,
    scusate ma ieri sera non ero nelle condizioni di poter partecipare.
    Concordo totalmente con il contenuto della sintesi inviata da Alberto
    in particolare concordo con i seguenti punti:
    – Il Consorzio energetico comunale non ha scopo di lucro, è però necessario che i cittadini investitori nel progetto trovino una valorizzazione del loro capitale. Si è ipotizzato che una parte dei proventi derivanti dalla produzione di energia possa essere vincolato alla realizzazione di nuovi impianti
    – Nella scelta dei produttori dei supporti tecnologici preferire, compatibilmente alla qualità, produttori locali, che applichino principi di etica del lavoro.

    Vi chiederei solo di riflettere sull’opportunità di agganciarci al GAS Energia per essere più “forti” nel poter sviluppare questa iniziativa
    Egidio

  2. marina melotti ha detto:

    vorrei sapere se è una proposta riservata ai residenti di san lazzaro,
    perchè qui a bologna non si muove nulla
    grazie

    • Alberto Piras ha detto:

      no, la stiamo impostando come aperta a tutti, non è appannaggio esclusivo dei cittadini di san lazzaro

  3. Paolo Spunta ha detto:

    Alberto, il tuo riassunto è ben scritto!
    Dopo l’incontro di mercoledì 19 non ho avuto ancora il tempo di scrivere i miei commenti, non tanto sul documento da presentare, ma sulle altre cose dette.
    Avavamo accennato anche che:
    — (ho ritrovato la mail) “durante l’incontro del 5 Maggio a Castel Maggiore, G.A.S. Energia insieme a Cambio di Rotta, hanno lanciato la prima proposta di impianto solare fotovoltaico collettivo e di conseguenza sono state aperte le iscrizioni a chiunque, sentendo la necessità di fare qualcosa per il proprio territorio, desideri partecipare attivamente ad un modello di sviluppo sostenibile di economia solidale.
    Chiunque desideri aderire al progetto suddetto deve semplicemente inviare una mail (ovviamente non assolutamente impegnativa) a cmcambiodirotta@gmail.com
    A questo progetto ci sta lavorando attivamente Pietro Passarella, del Gruppo di Acquisto Solidale di BOlogna (GASBO, che proprio a nome del gasbo si è dato da fare per l’Associazione GASEnergia). Con Pietro non ci siamo ancora sentiti x San Lazzaro.
    — Copio, in parte, dal sito: http://www.dossoenergia.it/dossoenergia/
    a Castelleone (CRemona) hanno fondato “DOSSOenergia SRL” [è 1 SRL]: società ad azionariato diffuso, che tramite ben 64 soci finanziatori realizzerà e gestirà per 20 anni l’impianto fotovoltaico sul tetto della Palestra Comunale Dosso in Castelleone, per la produzione di circa 64.000 KWh/anno di energia “pulita”, da fonte rinnovabile, prodotta in loco ed utilizzata per i servizi comunali, per un importo di lavori ( per una prima tranche) di circa 240.000 euro.
    I 64 soci, per la maggior parte cittadini di Castelleone e iscritti ai GAS del territorio, partecipano al progetto acquistando quote unitarie minime di euro 1000, fino ad un massimo di 20 quote (equivalenti al valore di un impianto domestico) e godranno per 20 anni dei benefici economici degli incentivi previsti da CONTO ENERGIA (DM 19 Febb 2007) con SCAMBIO SUL POSTO, che “DOSSOenergia SRL” distribuirà annualmente ai soci pro/quote possedute, con una “retribuzione” sicura del capitale investito di tutto rispetto in rapporto a quanto il mercato offre nel settore del risparmio gestito e con la restituzione annua di 1/20 del capitale.
    È il primo esempio di Progetto di collaborazione tra pubblico/privato realizzato in Italia, su iniziativa di GASenergia (Gruppi di Acquisto Solidale), totalmente a finanziamento privato, nel settore della produzione territoriale di energia pulita, da fonte rinnovabile, che farà da “apripista” tra i GAS nazionali(…)
    Per capire lo SCHEMA DI ASSETTO ORGANIZZATIVO, vedere la pagina:
    http://www.dossoenergia.it/dossoenergia/index.php?option=com_docman&task=doc_download&gid=6&Itemid=54
    Il GSE: Gestore Servizi Energetici sottoscrive con il COMUNE (soggetto responsabile dell’impianto fotovoltaico, la convenzione per l’incentivo CONTO ENERGIA e la convenzione per lo SCAMBIO SUL POSTO.
    La SOCIETA’ “DOSSO ENERGIA S.r.l.” finanzia l’installazione dell’impianto fotovoltaico e tutti i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria e il suo monitoraggio per la durata di anni 20. Sottoscrive con il COMUNE la convenzione per:
    1) la concessione d’uso del tetto della palestra DOSSO.
    2) l’affitto annuale del tetto della palestra Dosso
    3) il corrispettivo economico annuale, risultante dal risparmio energetico corrispondente all’energia prodotta dall’impianto FTV e consumata dall’utenza palestra Dosso e annesse strutture; il contributo in conto scambio e gli incentivi derivanti dall’energia prodotta di cui al Conto Energia, riconosciuti dal GSE.
    Collabora con il Comune alle fasi di progettazione, installazione e gestione dell’impianto fotovoltaico. Assegna i lavori di progettazione, installazione, manutenzione ordinaria e straordinaria e il monitoraggio per anni 20.
    Al termine di anni 20 dalla data di entrata in esercizio, il Comune prende totalmente in carico la proprietà e la gestione dell’impianto fotovoltaico.
    —Non è fondamentale inserirlo nel documento, (lo dico per chi non era all’incontro, e per capire cosa ne pensa chi vorrebbe partecipare al consorzio) ma avevo auspicato una dichiarazione forte e “politica” (non per forza “partitica”) sul nostro NO al nucleare. Esiste un gruppo di lavoro a BOlogna che ha prodotto 1 documento sul tema che mi trova completamente d’accordo (ho ricevuto il documento via mail, x non caricarlo su questo sito, vi giro l’unico link che ho trovato:
    http://prccastiglione.comli.com/?p=1183 )
    — avevo fatto un’altra proposta, puntando molto in alto, che non ha riscosso successo, ma che credo parta da un’esigenza non banale e che magari potrebbe portare ad una proposta migliorativa. Per “sentire” più nostro questo impianto fotovoltaico, a cui non credo potremmo dare un contributo con le nostre mani, avevo proposto di affiancare anche un impianto solare termico autocostruito (con l’aiuto di http://www.autocostruzionesolare.it/ ).
    Ciao Paolo Spunta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: